Shopper commercializzabili oggi

ALCUNE DEFINIZIONI

La legge appena citata mette in chiaro alcuni aspetti che qui sotto vengono riepilogati:

  • I prodotti monouso conformi sono solo quelli certificati biodegradabili e compostabili in accordo con la norma UNI EN 13432:2002.
  • Gli enti certificatori più comunemente utilizzati dai produttori dei manufatti biodegradabili e compostabili al fine di certificarne la piena rispondenza alla UNI EN 13432:2002 sono AIB Vincotte, Certiquality s.r.l. e Dincertco.
  • In Italia è stato sviluppato da alcuni anni un efficiente sistema di marcatura e riconoscimento dei manufatti biodegradabili e compostabili a cura del Consorzio Italiano Compostatori (con la collaborazione dell’ente certificatore Certiquality s.r.l.) che rilascia il marchio “Compostabile-CIC”.
  • Quanto ai sacchi non biodegradabili e compostabili, gli spessori che questi debbono possedere per essere considerati riutilizzabili, e dunque commercializzabili, sono quelli indicati dalla normativa di cui sopra, ossia:
    1. 200 micron per i sacchi con maniglia esterna destinati all’uso alimentare;
    2. 100 micron per i sacchi con maniglia esterna non destinati all’uso alimentare;
    3. Per i sacchi cosiddetti a fagiolo, cioè senza manici esterni, 100 micron se destinati all’uso alimentare, 60 micron se non destinati all’uso alimentare.

UNO SCHEMA RIASSUNTIVO

© 2021. Parolin Vittorio & c. snc Via Capitano Alessio 61 36027 Rosa' (Vicenza) ITALY | P.Iva 00783340243 Sito realizzato da Flaweb Web Agency